Adolf Hitler

Adolf Hitler è stato un politico tedesco di origine austriaca, cancelliere del Reich dal 1933 e dittatore, col titolo di Führer, della Germania dal 1934 al 1945.

Capo del Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori e principale ideatore del nazionalsocialismo, Hitler conquistò il potere facendo leva sull’orgoglio ferito del popolo tedesco, dopo la sconfitta nella prima guerra mondiale e la grave crisi economica che seguì.

Sfruttando l’insoddisfazione delle classi medie, presentò un manifesto politico intriso di nazionalismo, anticomunismo e antisemitismo e dopo alterne vicende arrivò alla Cancelleria nel gennaio del 1933.

Nel 1934, dopo la morte del presidente Paul von Hindenburg, si attribuì per legge il titolo di Führer e Cancelliere del Reich, accentrando nelle sue mani i poteri dello Stato e instaurando un regime dittatoriale. Grazie a un possente ed efficace programma di ristrutturazione economica e riarmo militare, Hitler perseguì una politica estera estremamente aggressiva, volta principalmente a espandere il terrirotio tedesco a spese delle popolazioni dell’Europa orientale e giunse a invadere la Polonia il 1º settembre del 1939, provocando lo scoppio della seconda guerra mondiale.

Da quel momento Hitler diresse personalmente le operazioni di guerra. Grazie anche alle sue decisioni e alla sua determinazione i primi anni del conflitto furono caratterizzati da impressionanti vittorie, che permisero al Terzo Reich di dominare gran parte dell’Europa. Ma a partire dal 1942, col formarsi della potente coalizione degli Alleati anglo-americano-sovietici, la Germania dovette passare sulla difensiva e subire gli attacchi dei suoi nemici. Abbandonato dagli alleati e in condizioni fisiche e psichiche sempre più precarie, Hitler rifiutò di arrendersi. Rimasto bloccato con le truppe dall’Armata Rossa sempre più vicine, si suicidò nel suo bunker il 30 aprile 1945 insieme alla compagna Eva Braun, che aveva sposato il giorno prima.

Responsabile della morte di milioni di persone, Hitler diffuse un’ideologia nazionalista e razzista, e una politica di discriminazione e sterminio che colpì vari gruppi etnici, politici e socialiː popolazioni slave, etnie romanì, testimoni di Geova, omosessuali, oppositori politici, membri della Massoneria, prigionieri di guerra, disabili fisici e mentali, e in particolar modo gli ebrei. Segregati sin dal 1933 dalla vita sociale ed economica del Paese, gli ebrei e le altre minoranze furono oggetto dal 1941 di un piano di sterminio noto con il nome di soluzione finale.

V. Petrosino- A. De Biase

Risultati immagini per hitler e arianesimo

Annunci

Il Nazismo

Il termine Nazismo è l’abbreviazione di nazionalsocialismo; definisce il movimento politico tedesco collegati all’avvento al potere in Germania nel 1933 da parte di Adolf Hitler, conclusosi alla fine della seconda guerra mondiale con la conquista di Berlino da parte delle truppe sovietiche (maggio 1945).

Una volta raggiunto il potere tramite una regolare elezione, si trasformò in dittatura, con un programma di eliminazione anche fisica sia degli avversari politici che di persone appartenenti a categorie ritenute nocive per il mondo, come ebrei, omosessuali, zingari e anche persone diversamente abili.

L’Aktion T4 fu il programma nazista di eugenetica che prevedeva la soppressione o la sterilizzazione di persone affette da malattie genetiche, inguaribili o da più o meno gravi malformazioni fisiche. Si stima che l’attuazione del programma T4 abbia portato all’uccisione di circa 200.000 persone.
T4 è l’abbreviazione di “Tiergartenstrasse 4”, l’indirizzo del quartiere Tiergarten di Berlino dove era situato il quartier generale dalla Gemeinnützige Stiftung für Heil und Anstaltspflege, l’ente pubblico per la salute e l’assistenza sociale.

Il programma T4 veniva anche chiamato «programma eutanasia» da molti di coloro che erano coinvolti in quest’operazione, ma l’espressione non ha nulla a che vedere con la definizione attuale di eutanasia.

Il programma non era per il benessere dell’ammalato o dal desiderio di liberarlo dalla sofferenza, il programma T4 venne portato a termine di «igiene razziale» allora imperante in Germania.

V. Petrosino 3^H

Risultati immagini per razzismo

Compito di realtà: noi e l’Europa

Abbiamo sottoposto gli adulti della nostra famiglia e del nostro quartiere ad un’intervista per conoscere la loro opinione sull’Europa e per sapere quanto fossero informati su di essa.

Queste le domande alle quali sono stati sottoposti:

  • Che cos’è l’Europa?
  • Quali sono, secondo te, gli aspetti negativi e positivi di essere nell’Europa?
  • Conosci l’origine della parola “Europa”?
  • Quale popolo l’ha usata per primo?
  • Vorresti rimanere in Europa o uscirne? Perchè?

Alla prima domanda la maggior parte degli intervistati hanno definito l’Europa un continente dal punto di vista geografico o un insieme di stati, ma anche un insieme di nazioni e/o Stati che agiscono per il benessere di tutti i cittadini. Qualcuno lo ha definito “vecchio continente” perchè molto antico.

Le risposte alla seconda domanda sono state molto interessanti. Tutti hanno considerato tra gli aspetti positivi la moneta unica, il libero commercio e la libera circolazione delle persone, ma anche l’avere delle direttive o delle norme in comune che spesso possono essere un vantaggio per tutti e la cooperazione tra stati.

Sono stati considerato aspetti negativi il fatto di dover accettare leggi e regole che non sempre sono un bene per l’Italia e che a volte possono danneggiare la nostra economia, ma molti hanno anche messo in evidenza tra gli aspetti negativi l’immigrazione poichè mancano aiuti dagli altri paesi europei, che spesso sono stati poco solidali con le popolazioni extraeuropee, lasciando l’Italia da sola.

Alla terza e quarta domanda hanno saputo rispondere in pochi; Infatti, la maggioranza degli intervistati non conosce l’origine della parola “Europa” e non sa quale popolo l’ha usata per primo.

Una minoranza ha risposto che ha origine da Carlo Magno o che ha un’origine incerta e pochi hanno affermato che forse deriva dagli antichi Greci o dagli antichi Fenici.

Questa la risposta corretta, tratta da Focus: L’etimologia del nome Europa non è certa: secondo alcuni deriverebbe dalla parola semitica ereb, “occidente”, con cui i fenici (1500-600 avanti Cristo circa) avrebbero indicato tutti i Paesi a ovest della Siria, dove vivevano.
Secondo altri invece l’origine sarebbe greca: in un primo periodo la parola avrebbe indicato soltanto le terre a nord dell’Egeo e poi, man mano che i Greci si espansero, anche i Paesi a nord del Mediterraneo. I nomi di Europa e Asia compaiono già nel VII secolo a. C. nella Teogonia di Esiodo, nella quale, però, corrispondono a personaggi mitologici, senza nessun riferimento geografico.

All’ultima domanda se preferiscono rimanere o uscire dall’Europa, la maggior parte ha risposto che preferisce rimanere perchè essere uniti significa avere più opportunità, una metà vorrebbe uscirne perchè potrebbe essere vantaggioso per l’Italia e una piccola percentuale non sa cosa rispondere.

Le nostre riflessioni: L’Europa è un insieme di stati che collaborano tra loro per il benessere comune.

Ci sono degli aspetti positivi come lo scambio culturale, politico ed economico, ma ci sono anche degli aspetti negativi regole o leggi che vengono imposte e non sempre portano benessere per tutti gli Stati.

Inoltre, uscire dall’Europa potrebbe anche essere disastroso per la nostra economia, non è detto che sia positivo.

Classe 1^I: V. Del Viscio, M. Elettorale, F. Gammarota, N. Miglio, S. Mucci, S. Naturale, I. Pistillo, U. Popolo, G. Rigucci, A. Rinaldi, G. Ripoli, L. Sarto, G. Verroia, A. Zaccaro

dav

Ascesa e caduta di Hitler

1933: l’ascesa di Hitler divenuto cancelliere della Germania.

Il 27 febbraio 1933 il Reichstag – il palazzo del Parlamento – è distrutto da un incendio, appena un mese dopo la presa di potere da parte di Hitler.

I suoi primi atti, interdizione dei partiti, limitazione delle libertà individuali e d’opinione, le prime leggi repressive contro gli avversari politici.

1935: le leggi di Norimberga, Leggi a “protezione della razza tedesca” privano gli ebrei della cittadinanza tedesca.

1936: inizia l’odio. Compaiono in Germania i primi cartelli: “ebrei non graditi”.
Giugno: Heinrich Himmler è nominato Reichfuehrer delle SS e capo della polizia.
1938: la notte dei cristalli Luglio: schedatura e documento di riconoscimento per tutti gli Ebrei sul suolo germanico.
Ottobre: 17mila ebrei polacchi arrestati e dislocati al confine polacco.
9-10 novembre: l’uccisione di un ufficiale tedesco in Francia dà modo a Joseph Goebbels di lanciare un programma contro i cittadini ebrei.
Nella “notte dei cristalli” squadre di giovani nazisti irrompono nei quartieri ebraici spaccando vetrine e finestre di case e negozi, dando fuoco alle sinagoghe, 7.500 negozi, 26mila ebrei vengono arrestati e deportati.

1939:  ha inizio la Shoah Nei mesi successivi, passano numerose leggi di discriminazione. Gli Ebrei vengono obbligati a consegnare i metalli preziosi al governo. Espropri, confinamenti, revoca delle patenti di guida e dei documenti.
Autunno: per l’”Euthanasie Programme” hanno avvio nelle strutture mediche in Germania le uccisioni di malati terminali, ritardati mentali, bambini, minoranze etniche, ebrei e zingari.
Tra il dicembre 1939 e l’agosto 1941 muoiono nelle prime camere a gas tra 50mila e 200mila persone.
1940: lo sterminio 20 maggio: apre Auschwitz (non è il primo campo di prigionia: Dachau aveva aperto nel marzo del 1933).
Milioni di polacchi ed ebrei vengono deportati. Ha inizio la politica per la “purezza razziale” in Germania: emigrazione forzata degli ebrei, ghettizzazione, deportazione, i campi di concentramento e di sterminio.
1942 20 gennaio: il protocollo di Wannsee codifica con precisione scientifica cifre e strategie dello sterminio.

Tra il 1942 e il 1944 le SS, assistite dai governi collaborazionisti e da personale reclutato nelle nazioni occupate, uccisero in maniera sistematica circa 3,5 milioni di ebrei in campi di sterminio localizzati in Polonia: Birkenau, Bełżec, Chełmno, e Treblinka, ecc…

1944: nel mese di luglio vengono preparati degli attentati contro Hitler.  Claus Schenk von Stauffenberg, piazzò una bomba nel quartier generale di Hitler, ma Hitler scampò miracolosamente alla morte e ordinò una dura rappresaglia nella quale vennero giustiziati tutti i capi del complotto.

30 aprile 1945: Hitler ormai, prossimoa lla disfatta, si suicidò nel suo bunker intorno alle ore 15.30, insieme all’amante Eva Braun che aveva sposato il giorno prima. Aveva cinquantasei anni.

1945: il processo di Norimberga Il London Agreement firmato da Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Unione Sovietica l’8 agosto 1945 comprende la costituzione di un Tribunale Militare Internazionale.
A Norimberga, dal 20 ottobre 1945 al 1 ottobre 1946, vengono processati criminali di guerra nazisti, ufficiali, marescialli, membri degli Einsatzgruppen, medici, guardie.

Loris Pennacchia 3^H

Risultati immagini per morte di Hitler

Il movimento Fascista

Il Fascismo è stato un movimento politico nato in Italia all’inizio del XX secolo, soprattutto per iniziativa del giornalista e in seguito dittatore Benito Mussolini.

Alcune delle dottrine e delle pratiche elaborate e adottate dal fascismo italiano si sono diffuse in seguito in Europa e in altri Paesi del mondo.

Si caratterizzò come un movimento nazionalista, autoritario e totalitario.

Il fascismo si autodefiniva ed è considerato da alcuni come alternativo al capitalismo liberale. Sul piano ideologico fu populista, fautore della proprietà privata e della divisione della società in classi.

Trovò i suoi precursori negli anni precedenti alla prima guerra mondiale, nel movimento artistico del futurismo, il cui ispiratore fu Filippo Tommaso Marinetti che aderì successivamente al movimento, nel decadentismo di Gabriele d’Annunzio e in numerosi altri pensatori che si ritrovarono nella rivista Il Regno, molti dei quali divennero fascisti.

Una spinta decisiva alla nascita del fascismo è dovuta anche al fenomeno, conseguenza della prima guerra mondiale, dei reduci di guerra.

Secondo gli studiosi, l’ideologica fascista connotato ha la base in diverse filosofie  del tempo come quella del superuomo, che ispirò anche il nazionalismo di Hitler.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale si sono sviluppate una serie di correnti che si rifanno all’ideologia fascista.

De Biase Anastasia 3^H

Risultati immagini per il fascismo

Benito Mussolini

Benito Amilcare Andrea Mussolini nacque a Predappio il 29 luglio 1883  e morì a Giulino di Mezzegra il 28 aprile 1945.

E’ stato un politico, militare, giornalista e dittatore italiano; fu fondatore del fascismo e Presidente del Consiglio del Regno d’Italia dal 31 ottobre 1922 al 25 luglio 1943.

Nel gennaio 1925 assunse poteri dittatoriali e  acquisì il titolo di capo del governo primo ministro segretario di Stato. Dopo la guerra d’Etiopia, aggiunse al titolo di duce quello di “Fondatore dell’Impero” e divenne Primo Maresciallo dell’Impero nel 1938. Fu capo della Repubblica Sociale Italiana dal settembre 1943 al 27 aprile 1945.
Fu esponente di spicco del Partito Socialista Italiano e direttore del quotidiano socialista “Avanti!” dal 1912.

Convinto anti-interventista negli anni della guerra italo-turca e in quelli precedenti la prima guerra mondiale, nel 1914 cambiò opinione, dichiarandosi a favore dell’intervento in guerra. Trovandosi in contrasto con la linea del partito, si dimise e fondò Il Popolo d’Italia, per poi essere espulso dal PSI.

Nell’immediato dopoguerra, cavalcando lo scontento per la “vittoria mutilata”, fondò i Fasci italiani di combattimento (1919), poi divenuti Partito Nazionale Fascista nel 1921, e si presentò al Paese con un programma politico nazionalista e radicale.
Nel contesto di instabilità politica e sociale, puntò alla presa del potere; con l’aiuto di atti di squadrismo e d’intimidazione politica che culminarono il 28 ottobre 1922 con la marcia su Roma, Mussolini ottenne dal re l’incarico di costituire il Governo.

Dopo il contestato successo alle elezioni politiche del 1924, instaurò nel gennaio 1925 la dittatura, risolvendo con forza la situazione creatasi dopo l’assassinio di Matteotti. Negli anni successivi consolidò il regime e inquadrando le masse nelle organizzazioni di partito.
Nel 1935, Mussolini decise di occupare l’Etiopia, provocando l’isolamento internazionale dell’Italia. Appoggiò quindi i franchisti nella guerra civile spagnola e si avvicinò alla Germania nazionalsocialista di Adolf Hitler, con il quale stabilì il Patto d’Acciaio nel 1939.

Immagine correlata

È in questo periodo che furono approvate in Italia le leggi razziali.
Nel 1940, convinto nella vittoria della Germania in guerra, decise per l’ingresso dell’Italia nella seconda guerra mondiale.

In seguito alle disfatte subite dalle Forze Armate italiane, fu arrestato per ordine del Re e successivamente tradotto a Campo Imperatore. Liberato dai tedeschi, e ormai in balia delle decisioni di Hitler, instaurò nell’Italia settentrionale la Repubblica Sociale Italiana. In seguito alla definitiva sconfitta delle forze italotedesche, abbandonò Milano la sera del 25 aprile 1945; la sua fuga si concluse il 27 aprile con la cattura da parte dei partigiani a Dongo, dove fu fucilato il giorno seguente insieme alla sua amante Claretta Petacci.

Risultati immagini per mussolini

De Biase Anastasia 3^H

La Shoah e il Giorno della Memoria

Il termine Olocausto indica, a partire dalla seconda metà del XX secolo, il genocidio perpetrato dalla Germania nazista e dai suoi alleati nei confronti degli ebrei d’Europa e, per estensione, lo sterminio di tutte le categorie di persone considerate dai nazisti  inferiori per motivi politici o razziali.

Tra il 1933 e il 1945, furono circa 15-17 milioni le vittime dell’Olocausto, di entrambi i sessi e di tutte le età, tra cui 5-6 milioni di ebrei.

L’Olocausto, in quanto genocidio degli ebrei, è identificato più correttamente con il termine Shoah (in lingua ebraica: השואה, HaShoah, “catastrofe”, “distruzione”).

Shoah è appunto una parola ebraica che significa «catastrofe», e ha sostituito il termine «olocausto» usato in precedenza per definire lo sterminio nazista, perché con il suo richiamo al sacrificio biblico, esso dava implicitamente un senso a questo evento e alla morte, invece insensata e incomprensibile, di sei milioni di persone.

Immagine correlata

La Shoah è il frutto di un progetto d’eliminazione di massa che non ha precedenti, né paralleli: nel gennaio del 1942 la conferenza di Wansee approva il piano di «soluzione finale» del cosiddetto problema ebraico, che prevede l’estinzione di questo popolo dalla faccia della terra.

Lo sterminio degli ebrei non ha una motivazione territoriale, non è determinato da ragioni espansionistiche o da una per quanto deviata strategia politica. È deciso sulla base del fatto che il popolo ebraico non merita di vivere. È una forma di razzismo radicale che vuole rendere il mondo «Judenfrei» («ripulito» dagli ebrei).

a differenza del termine “Shoah”, l’uso del termine Olocausto viene esteso a tutte le persone, gruppi etnici e religiosi vittime dei nazista.L’eliminazione di circa i due terzi degli ebrei d’Europa  venne organizzata e portata a termine dalla Germania nazista mediante un’organizzazione molto efficace e con uno sviluppo progressivo che ebbe inizio nel 1933 con la segregazione degli ebrei tedeschi, proseguì, estendendosi a tutta l’Europa occupata dal Terzo Reich durante la seconda guerra mondiale, con il concentramento e la deportazione e quindi culminò dal 1941 con lo sterminio fisico in strutture di annientamento appositamente predisposte.

Risultati immagini per olocausto

La maggior parte delle persone soppresse passarono per i campi di sterminio, che erano campi di concentramento con attrezzature speciali progettate per uccidere in forma sistematica. Questi erano grandi estensioni di terreno, circondate da alte e fitte barriere di filo spinato attraverso le quali passava la corrente elettrica per fulminare chiunque avesse tentato di fuggire. Qui di seguito una testimonianza di questo sistema di eliminazione.

Il numero 16.670 del campo di Auschwitz

“ Ogni sera, mentre infuriava la Seconda Guerra mondiale, nel campo di sterminio di Auschwitz, le guardie naziste facevano l’ appello. Una sera un prigioniero non rispose. Gli altri si guardarono con terrore, sapevano che per ogni fuggitivo dieci avrebbero pagato con la vita.

Il comandante del campo passò in rassegna i prigionieri e col dito, a caso, ne segnò dieci, destinati a morire nel “bunker della fame”. Il decimo era il sergente polacco Francesco Gajowniczeck. Preso dalla disperazione mormorò singhiozzando: “Mia moglie … i miei figli”. Allora un prigioniero, il n. 16.670, si fece avanti e disse al comandante: “Chiedo di prendere il suo posto”.

Auschwitz è il nome tedesco di Oswiecin, una cittadina situata nel sud della Polonia. Qui, a partire dalla metà del 1940, funzionò il più grande campo di sterminio di quella sofisticata «macchina» tedesca denominata «soluzione finale del problema ebraico». Auschwitz era una vera e propria metropoli della morte, composta da diversi campi – come Birkenau e Monowitz – ed estesa per chilometri.

C’erano camere a gas e forni crematori, ma anche baracche dove i prigionieri lavoravano e soffrivano prima di venire avviati alla morte.

Gli ebrei arrivavano in treni merci e, fatti scendere sulla cosiddetta «Judenrampe» (la rampa dei giudei) subivano una immediata selezione, che li portava quasi tutti direttamente alle «docce» (così i nazisti chiamavano le camere a gas).

Solo ad Auschwitz sono stati uccisi quasi un milione e mezzo di ebrei.

F. Cota- A. De Biase- L. Pezzi 3^H

Risultati immagini per olocausto